Pubblicato da: Galliolus | sabato, 31 ottobre 2009

Fenomenologia della scazzottata finale

Credevo molti meno.

Ne è passato di tempo da quando l’ex nuotatore Carlo Pedersoli cercava un nome d’arte credibile: aprì una birra Bud per schiarirsi le idee e gli venne in mente di omaggiare il grande Spencer Tracy. Quella sera nacque un personaggio inimitabile, montato su talento comico secondo solo a quello di Oliver Hardy. Qui continuiamo a considerarli film di serie B, ma un giorno Quentin Tarantino confesserà di avere attinto a piene mani per i duelli multipli di Kill Bill.

Auguri, Bud: ottant’anni e non sentirli.

Annunci

Responses

  1. tu non ci crederai, ma io bud spencer l’ho conosciuto di persona.

    avevo dieci anni e mio padre (che faceva il giornalista) mi aveva portata non so a quale conferenza stampa.
    era altissimo e grossissimo e durate le presentazioni mi aveva stretto la mano nella sua manona enorme.

    dopo, abbiamo cenato allo stesso tavolo e io per tutto il tempo mi sono tormentata perché non sapevo se avrei avuto il coraggio di fargli una domanda (secondo me) fatidica.
    e cioè: ma quando giri i film con terence hill, i fagioli ve li mangiate veramente?

    e beh, alla fine della cena mi sono fatta coraggio (ero veramente piccola e lui era veramente grosso) e gliel’ho domandato.

    lui si è messo a ridere e mi ha risposto di sì.
    :-)

  2. INVIDIAAAA!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: